RAKU DOLCE: LE TERRE E I MODI NATURALI

Sabato 20 e Domenica 21 Maggio 2017

Per comprendere a fondo il fare ceramica è indispensabile conoscere l’uso delle terre come corpo delle forme ma anche come coperta delle stesse. Il mondo degli ingobbi è affascinante e la sua conoscenza consente di risolvere poi tanti problemi su tanti campi di applicazione dei rivestimenti e del raku in generale. Con la tecnica di cottura a Raku Dolce abbinata all’uso degli ingobbi del genere “terre sigillate” si ottengono superfici lucide senza levigatura in colore arancio o nero brillante ricavati da particolari ingobbi ottenuti con il metodo della decantazione delle argille; lo stesso metodo impiegato per il rivestimento delle ceramiche romane cosiddette Terre Sigillate Aretine. Raku Dolce è un modo di cottura che riduce al minimo il fumo generato dal sistema Raku e  realizza forme molto definite perché si impiegano argille senza chamotte. L’annerimento viene eseguito con fumo leggero di segatura o carta senza contenitori di metallo. Questa finitura è associabile all’impiego di vernici trasparenti e colorate.

In questo modo le forme saranno cotte una volta sola.

Il Raku Dolce è una idea di Giovanni Cimatti; un arte che coniuga matericità e ordine. Le ceramiche eseguite a Raku Dolce possiedono una buona durezza e sonorità; sono impiegabili in ambito alimentare ma non sono impiegabili per il contenimento permanente dei liquidi e il contatto con utensili metallici.

Le foto pubblicate sono opere di Giovanni Cimatti e sono una dimostrazione  indicativa dei rapporti tonali ottenibili tra aranci e nero da fumo.

Il corso si concentra sull’insegnamento delle tecniche produttive e applicative degli ingobbi del genere “terra Sigillata”.

Programma: applicazione su supporti secchi/crudi e in sequenza degli ingobbi fino alla copertura con le argille auto lucidanti – asciugatura –  cottura unica e sfornata a Raku Dolce con fumigazione – dimostrazione pratica sulla decantazione degli ingobbi – lezioni di storia e tecnologia ceramica – informazioni sui materiali impiegati. Le prove saranno eseguiti su supporti già essiccati e forniti dalla organizzazione per consentire una più veloce realizzazione dei test. Sara impiegata una argilla senza chamotte chiara e la cottura sarà eseguita a 940°C – al termine della lezione si dovrà provvedere alla messa in ordine dei locali del corso.

Le forme saranno realizzate seguendo le indicazioni del docente, saranno cotte  e consegnate entro i tempi del corso stesso.

Il corso di 14 ore inizia alle ore 9.00 del sabato e termina alle ore 16.00 della domenica.

Docente: Maestro Giovanni Cimatti

Scarica il modulo d’iscrizione in formato pdf

Scarica il volantino in formato pdf

Richiesta informazioni sul corso

Nome (richiesto)

Cognome (richiesto)

Email (richiesto)

Oggetto

Messaggio

captcha

Inserisci il codice di sicurezza nel campo sottostante

Come disposto dalla normativa vigente sulla privacy, autorizzo l'uso dei dati personali

Questa voce è stata pubblicata in Corsi di Ceramica. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.